Social

Cerca nel sito

Supersport: Scassa re d'australia

L'aretino vince una gara tiratissima, conclusa coi primi tre classificati distanziati di 0,033 secondi!

Luca Scassa, con la Yamaha del team ParkinGo di Giuliano Rovelli, vince al debutto nel Mondiale Supersport.

 

Dopo l’iniziale sfuriata di Salom (Kawasaki), poleman del sabato, Scassa si porta subito nelle posizioni che contano, al di là di un inizio un po’ guardingo.

Da metà gara in poi, l’aretino si produce in una progressione irresistibile, che lo porta in vetta al gruppo.

La resistenza di Parkes (Kawasaki) e Lowes (Honda) è agguerrita, e si traduce in distacchi che non superano mai i pochi centesimi. Salom, invece, è leggermente più attardato, ma è lì pure lui.

A 4 giri dal termine Lowes riesce a ripassare Scassa con una manovra da storia del motociclismo, ma la sua leadership dura poco: Luca lo supera quasi immediatamente riuscendo a mantenere sugli inseguitori un distacco risicatissimo. Anzi, alla fine vince in volata recuperando di scia e di motore un sorpasso che Lowes ha tentato in extremis. Scassa vince con 0,009 secondi su Parkes e 0,033 su Lowes! Il compagno di team di Luca Scassa, Davies, dopo un inizio arrembante, è vittima di problemi tecnici (gomma talmente finita da forarsi...), ed arretra inesorabilmente finendo solo 18°.

 

La morale è che, con uno Scassa così in forma e combattivo, forse la Triumph avrebbe fatto meglio ad esserci, al mondiale...

 

Tra gli altri italiani, Iannuzzo (Kawasaki) 8°, Dell’Omo (Triumph) 10°

Tutto su:

Commenta con
Commenta con
AGGIORNA COMMENTI

Commenta la notizia

Voglio fare il tester

Acquista il libro online