Social

Cerca nel sito

NCR New blu

La New Blue è un progetto nato dalla collaborazione con la filiale americana della Ducati per celebrare...

NCR New blu
...il 30° anniversario della prima vittoria della Casa italiana negli Stati Uniti. Era il 1977 e Cook Neilson batté la concorrenza sul velocissimo circuito di Daytona a bordo di una Ducati 750 SS, conosciuta come Old Blue e preparata da Phil Schilling. La vittoria segnò l’inizio dell’avventura Ducati nel nuovo mondo e contribuì ad accrescere la fama dei bicilindrici italiani in questo Paese.

La moto sfrutta l’architettura della Sport 1000 S, un mezzo perfetto per questo tipo di realizzazioni nostalgicamente old style, ovviamente quasi interamente aggiornata dalla scuderia NCR per essere trasformata in una vera moto da competizione. Dai circa 200 kg del modello originale si passa ai 145 kg di questa versione (esclusivamente ready to race), un’elaborazione immensa e impegnativa che ha coinvolto ogni più piccolo particolare.

Il telaio e il forcellone vengono forniti dalla Casa madre mentre tutto il resto è opera della genialità e dell’estro della Factory bolognese, la cui unica restrizione proviene dalla linea, che deve essere uguale al veicolo di serie. Dovendo utilizzare le stesse soluzioni ciclistiche, il lavoro di limatura del peso ha interessato principalmente la meccanica, i freni e i cerchi, per quali si è optato per una coppia di elementi in carbonio a 5 razze prodotti dalla BST, più leggeri e aggressivi dei classici elementi a raggi.

Per conferire un’ulteriore diminuzione della massa, il nuovo impianto di scarico 2-1-2 (sviluppato dalla NCR e realizzato dalla Zard) è in titanio, soluzione che ha permesso di contenere la zavorra a soli 4,3 kg. Di serie sono inoltre installati numerosi componenti in alluminio ricavati dal pieno come le pedane arretrate, il tappo del serbatoio, i piedini della forcella e le bellissime piastre di sterzo (con la possibilità di variarne l’offset), mentre i supporti dei poggiapiedi, i semimanubri, il carter frizione e tutta la viteria sono in titanio.

La moto è impreziosita ulteriormente dalle vesti grafiche, simili a quelle della Old Blue, aerografate manualmente dallo stesso pool di tecnici che si occupa della verniciatura delle vetture da Formula 1 delle principali Case automobilistiche; la sella è in pelle scamosciata, prodotta da Schedoni, il noto artigiano creatore degli interni di tutte le Ferrari.

Il motore installato sulla versione “base” è il clas-sico 1100 2 valvole della Ducati in grado di erogare, senza l’ausilio di particolari stravolgimenti tecnici, 117 CV a 8450 giri/min e una coppia di 10,6 kgm ottenuta a soli 6700 giri/min. Questo importante incremento di prestazioni è dovuto all’adozione dell’impianto di scarico completo e della centralina elettronica EFI Euro-1 sviluppata dalla NCR Corse; un interessante dispositivo elettronico in grado di automapparsi acquisendo, attraverso appositi sensori, la temperatura ambientale e la pressione atmosferica per poi modificare automaticamente la mappatura e proporzionarsi alle condizioni climatiche e ai diversi circuiti.

La strumentazione è della MXL, un gioiellino tecnologico che non solo ha un sapore tipicamente racing ma che permette di interfacciarsi con un comune PC attraverso una porta USB integrata.

Al reparto sospensioni lavorano unità progettate in collaborazione con la Öhlins. All’anteriore troviamo una forcella serie oro di 43 mm Ø con trattamento degli steli al TiN, mentre al posteriore fanno bella mostra di sé una coppia di efficaci ammortizzatori pluriregloabili. L’impianto frenante si avvale di una coppia di pinze Brembo radiali monoblocco di 108 mm che vengono azionate da una pompa anch’essa radiale, e che lavorano su dischi wave di 300 mm. Al posteriore un disco wave di 200 mm è abbinato a una pinza Brembo a 2 pistoncini ricavata dal pieno.

Come optional è possibile acquistare il kit di aggiornamento del motore NCR 1200 che comprende i pistoni, i cilindri e l’albero motore progettati dal reparto corse NCR.

Tutto su:

Commenta con
Commenta con
AGGIORNA COMMENTI

Commenta la notizia

Voglio fare il tester

Acquista il libro online