Social

Cerca nel sito

Motegi ?erra di Jorge Lorenzo

Il GP del Giappone è stata una gara fuori…

Motegi ?erra di Jorge Lorenzo

…dal comune, con il maltempo che ha condizionato le prove e reso impossibile per i piloti trovare il giusto set-up delle proprie moto. La Yamaha ha trionfato con una splendida vittoria di Lorenzo, seguito a ruota dal suo compagno di squadra, Valentino Rossi.

 

Jorge Lorenzo
"Prima di ogni altra cosa voglio ringraziare il mio team, la mia mamma e l'intera mia famiglia, I miei amici e tutta la squadra. E anche Yamaha, visto che questo era per loro il GP di casa. E' stata una gara difficile, perché non sono partito benissimo e al primo giro ho tagliato il traguardo in terza o quarta posizione. Dopo ho iniziato a prendere il ritmo. Ho passato Valentino e sono riuscito a prendere un piccolo vantaggio su di lui, circa un secondo e mezzo, ma lui non ha mollato. Per questo ho dovuto spingere al limite e guidare al mio meglio per conquistare questa splendida vittoria."

 

Valentino Rossi
"E' stata una grande gara, lunga, molto difficile e anche molto fisica. Sono partito molto bene dalla prima fila, ma in una parte della gara non sono riuscito a guidare come avrei voluto: c'erano dei problemi e non ero abbastanza veloce per staccarmi e prendere vantaggio. Per questo Jorge mi ha raggiunto e, successivamente, mi sono dovuto battere con Dani. Fortunatamente nella seconda metà della corsa sono stato in grado di alzare il ritmo, migliorando i miei tempi sul giro. Ho provato anche a recuperare su Jorge, ma lui ormai era troppo lontano. Comunque è stata una buona gara, il secondo posto non è come una vittoria ma sono pur sempre venti punti validi per il campionato. Il campionato ora è diventato molto interessante perché ci sono quattro piloti in lotta per la vittoria finale."

 

Daniel Pedrosa
"Un grande risultato che probabilmente nessuno si aspettava. Sono felice perché potevo anche chiudere 2º anche se quando ho passato Rossi è sembrato svegliarsi ed è tornato davanti. Dopo sei mesi di problemi con il ginocchio e senza test, è fantastico tornare sul podio. È un grande risultato anche per Honda, ma dobbiamo lavorare moltissimo per tornare ai livelli che ci aspettiamo. A livello fisico credo sia solo bisogno di tempo. Sto migliorando di giorno in giorno e oggi ero molto stanco a fine gara".

 

Casey Stoner
"Oggi non eravamo del tutto a posto con la messa a punto, esattamente, penso, come tutti gli altri, dato che non c’è stato il tempo nel fine settimana per lavorare come si deve sugli assetti. Di positivo c’è che siamo riusciti a girare sui tempi dei piloti davanti, purtroppo però solo dopo aver perso tanto tempo, troppo, nelle prime fasi della gara. Già nel giro di riscaldamento infatti avevo avvertito una forte vibrazione provenire dal freno posteriore e questo mi ha spinto ad essere molto conservativo nei primi cinque o sei giri. Non sapevo bene cosa fare perché non riuscivo a frenare dove volevo: forse avrei potuto spingere di più ma non credo che avrei potuto farlo in totale sicurezza. In ogni caso ho perso molte posizioni nei primi giri e molto tempo tentando di risalire. Quando mi sono avvicinato ai primi era ormai troppo tardi ed ho potuto solo aumentare un po’ il mio ritmo per raggiungere Dovizioso. Mi ero reso conto che avrei potuto passare Andrea quindi ho cercato di spingere di più. La gara così non è stata tutta persa, non abbiamo lasciato sul terreno troppi punti e in definitiva possiamo considerare questo inizio di stagione nettamente migliore di quello dello scorso anno. Credo che questo possa renderci fiduciosi per le prossime gare”.

 

Andrea Dovizioso
"Sono molto felice dopo questa gara perché, visto che abbiamo faticato molto durante tutte le sessioni di prove, siamo stati in grado di stare davanti per 24 giri. Ho spinto davvero duro per poter riuscire a salire sul podio ma non ce l'ho fatta. E' stata una gara dura e questa è una pista molto impegnativa, con molte frenate e quindi è stata molto dura fisicamente. È promettente, perché abbiamo ridotto il divario da quelli davanti. In Qatar avevo a fine gara un distacco di 27 secondi mentre oggi erano solo 9, quindi questo è un buon passo avanti. Dobbiamo continuare a lavorare sodo. Devo fare i miei complimenti a Pedrosa, ha fatto una grande gara. Ho fatto una buona partenza e sono stato in grado di mantenere un buon ritmo durante la gara, ma dobbiamo ancora mettere a punto la moto per poter essere davvero competitivi."

 

Marco Melandri
“Onestamente, sono un po' sorpreso anche io. Lottare per la nona, ottava posizione, ci speravo. Ma la sesta... cavolo. E sì che in questi giorni abbiamo davvero provato poco. Così, abbiamo preso qualcosa dell'assetto da asciutto, qualcosa di quello da bagnato e messo assieme il tutto... Il feeling era buono, nonostante il freno motore bloccasse molto. È un problema che abbiamo; se riuscissimo a risolverlo, e se fossimo in grado di mettere a punto la nuova elettronica, le cose sarebbero anche migliori”.

 

Nicky Hayden
“Quello che è successo oggi è esattamente l’opposto di quello che ci serviva. Sono riuscito a partire in maniera discreta ma, tempo di arrivare al rampino, che si imposta frenando molto forte, Takahashi mi ha colpito da dietro e mi ha gettato fuori. Non l’ho sentito arrivare, stavo facendo la mia linea e mi sono trovato a terra. Non voglio parlarne più di tanto, non mi piace sembrare un bambino che piange, ma effettivamente… era solo il primo giro! Per fortuna mi sento bene: sono caduto sulla schiena, esattamente sullo stesso punto già infortunato in Qatar, tanto che sia la mia tuta, sia il mio casco, mostrano gli stessi identici segni. E’ un peccato, perché onestamente questa settimana sentivo che avevamo fatto dei progressi. Fin dal primo giorno ho potuto constatare che all’interno del team riusciamo a comunicare meglio le rispettive sensazioni e a lavorare in maniera più produttiva. Non mi aspettavo un risultato grandioso ma sono certo che oggi saremmo stati più competitivi. In ogni caso non ci resta che andare avanti e pensare alla prossima gara”.

 

Mika Kallio
"Non ho avuto molto tempo nel corso del fine settimana per sistemare la moto e non mi aspettavo un risultato cosi buono. Ero un po' confuso all'inizio della gara e ci ho messo qualche giro a prendere il giusto ritmo. Poi ho iniziato a girare bene raggiungendo e sorpassando molti piloti divertendomi molto alla guida della mia Ducati. Finire le prime due gare in MotoGP in ottava posizione è un buon inizio. Abbiamo conquista qualche buon punto per il campionato e ne sono molto felice per me e per tutto il Pramac Racing Team."

 

Niccolò Canepa
"Non sono per niente felice di com'è andata la gara oggi. All'inizio pensavo che dipendesse da me, che avevo bisogno di qualche giro per prendere il ritmo, ma poi non so cosa sia successo ma proprio non riuscivo a utilizzare al meglio il posteriore. Pensavo di avere qualche problema al pneumatico, ma da quanto si vede sembra tutto ok. Ora controlleremo i dati della telemetria per capire cosa sia successo. Ho finito la gara per prendere i punti che comunque ci danno morale per il prossimo appuntamento a Jerez tra sette giorni."

 

Alex De Angelis
“Abbiamo avuto dei problemi venerdì e così abbiamo perso la nostra unica opportunità di mettere la moto a posto per l’asciutto…una sfortunata circostanza che oggi abbiamo pagato cara. Ho scelto le gomme dure sia per l’anteriore che per il posteriore ma evidentemente non hanno funzionato bene con il setting scelto e mi è mancato totalmente il feeling. C’era un gruppetto di quattro piloti davanti a me e ho fatto tantissima fatica a entrare in lotta con loro, poi ho perso il posteriore un paio di volte e alla fine ho dovuto rinunciare. Tre punti non sono un granché…ma forse meglio di niente.”

 

Toni Elias
“Sono molto deluso dal risultato di oggi. Dopo i primi due giri avevo iniziato a sentire la moto molto bene e a guadagnare posizioni. Avevo raggiunto il gruppo dove c’erano Melandri e Vermeulen e proprio quando il più era fatto, sono scivolato. In una curva sono andato un po’ largo dove c’era lo sporco e ho perso il grip: una volta risalito in moto non c’era più molto da fare. Peccato perché avevo davvero l’opportunità di raccogliere punti preziosi.”

 

Loris Capirossi
“Sono molto dispiaciuto per questo risultato perché abbiamo il potenziale per fare molto meglio di così. Questo inverno eravamo andati molto bene perché abbiamo avuto sempre molto tempo per sistemare la moto, cosa che è mancata in questo week-end, con solo una sessione di prove sull’asciutto. Non siamo riusciti a trovare un set-up ideale e siamo partiti con una configurazione mai provata prima qui. La  moto alla fine non andava poi così male ma non sono riuscito a trovare il giusto ritmo e le gomme usate non mi davano il giusto feeling.”

 

Risultati
1 Jorge Lorenzo SPA Yamaha
2 Valentino Rossi ITA Yamaha
3 Dani Pedrosa SPA Honda
4 Casey Stoner AUS Ducati
5 Andrea Dovizioso ITA Honda
6 Marco Melandri ITA Kawasaki
7 Loris Capirossi ITA Suzuki
8 Mika Kallio FIN Ducati
9 James Toseland GBR Yamaha
10 Chris Vermeulen AUS Suzuki
11 Randy De Puniet FRA Honda
12 Colin Edwards USA Yamaha
13 Alex De Angelis RSM Honda
14 Niccolo Canepa ITA Ducati
15 Toni Elias SPA Honda

 

Classifica in campionato
1 Jorge Lorenzo 41
2 Valentino Rossi 40
3 Casey Stoner 38
4 Andrea Dovizioso 22
5 Dani Pedrosa 21
6 Colin Edwards 17
7 Mika Kallio 16
8 Chris Vermeulen 15
9 Alex De Angelis 13
10 Marco Melandri 12

Tutto su:

Commenta con
Commenta con
AGGIORNA COMMENTI

Commenta la notizia

Voglio fare il tester

Acquista il libro online