Social

Cerca nel sito

Il triangolo

La Kawasaki si ritira ma rientra dalla porta di servizio grazie a Carmelo Ezpeleta e Jorge...

Il triangolo
...Martinez.

Appena prima che fosse annunciato il ritiro dalle competizioni MotoGP di Kawasaki, Carmelo Ezpeleta, CEO della società detentrice dei diritti della MotoGP Dorna Sports, ha incontrato i dirigenti della casa giapponese per prendere atto della loro decisione e per discutere la possibilità di avere moto Kawasaki in pista nel 2009 attraverso un team privato.

“Prima di tutto, voglio mettere in chiaro il fatto che Kawasaki ha sospeso le proprie attività dalle competizioni a livello di team ufficiale”, ha dichiarato Ezpeleta. “Ci siamo incontrati martedì 8 gennaio ad Osaka e lì Kawasaki ha spiegato i propri motivi e le proprie difficoltà nel portare avanti un team ufficiale in MotoGP. Preso atto di queste circostanze abbiamo deciso di cooperare, con l'obiettivo di trovare una soluzione possibile ai loro problemi che potrebbe permettergli di continuare a correre attraverso un team privato”.

In realtà la soluzione era già bella pronta nella persona di Jorge “Aspar” Martinez, pluricampione mondiale nelle piccole cilindrate e titolare dell’omonimo team impegnato fin dal 1992 nelle classi 125 e 250 e vincitore di vari titoli spagnoli, europei e mondiali (classe 125: 2006 - Alvaro Bautista, 2007 - Gabor Talmacsi). Le Kawasaki di Melandri e Hopkins sono state offerte dalla Dorna a Martinez il quale ha accettato di buon grado, di fatto anticipando semplicemente la propria intenzione già espressa di voler prima o poi entrare in MotoGP.

L’accordo legherà Martinez e la Kawasaki per tre anni, oltre a salvare la Casa di Akashi dal pagamento delle penali dovute alla Dorna, in caso di risoluzione anticipata del contratto con cui il team della verdona si era impegnato a restare nella Classe regina sino al 2011. Jorge Martinez sostituirà Michel Bartholemy nel suo ruolo di team manager, dopo la gestione del francese, che al momento non ha rilasciato dichiarazioni e non si sa quale posizione ricoprirà in futuro.
 
Resta un’altra incognita nella svolta della faccenda Kawasaki-Martinez: non è chiaro se Akashi continuerà lo sviluppo della moto, oppure se fornirà solamente degli aggiornamenti alla Aspar, come fanno le scuderie ufficiali con i team satellite.
 
Un po' di storia 
Kawasaki aveva fatto il proprio debutto in MotoGP nel 2003 dopo una serie di gare come wildcard la stagione precedente. In MotoGP la casa di Akashi si è assicurata tre podi, con il secondo posto di Olivier Jacque in Cina nel 2005, il secondo di Shinya Nakano in Olanda nel 2006 e sempre il secondo posto di Randy de Puniet nel 2007 a Motegi.
 
Prima dell'ingresso nella MotoGP, la casa giapponese ha partecipato nella massima categoria dal 1970 al 1975, con Ginger Molloy che aveva chiuso in seconda posizione la sua prima stagione, Dave Simmonds che aveva vinto a Jarama chiudendo quarto in generale l'anno successivo e con Mick Grant che aveva conquistato il Tourist Trophy nel 1975.
 
Il secondo periodo della Kawasaki nei gran premi è stata l'esperienza in 500 in un biennio iniziato nel 1980. Kork Ballington non vinse nessuna gara, ma riuscì a conquistare due terzi posti nel 1981.

Tutto su:

Commenta con
Commenta con
AGGIORNA COMMENTI

Commenta la notizia

Voglio fare il tester

Acquista il libro online