Social

Cerca nel sito

Il giro del mondo in Ducati

Paolo Pirozzi e la sua Ducati Multistrada 1200 concludono il raid intorno al globo

Un viaggio di un anno, 5 continenti, 10 treni gomme e quasi 100.000 km: concluso il giro del Mondo in Ducati Multistrada 1200

 

 

Paolo Pirozzi è il 31enne presidente del Ducati Dreams Club di Napoli, un grandissimo appassionato del marchio del desmo. Non solo dei mezzi, ma anche di tutto quello che ruota intorno al mondo delle e della Ducati, in termini di esperienze, emozioni, storie, pazzie.

 

Pirozzi ha all’attivo 450.000 km di strada percorsa, solo su moto “made in Borgo Panigale, e l’anno scorso, di questi tempi, ha dato il via al suo progetto più ambizioso, al suo sogno più folle: il giro del mondo in sella ad una Ducati, toccando quanti più Paesi possibili e facendo tappa presso 80 D.O.C (Ducati Owner Club).

 

Il viaggio di Pirozzi è partito da Misano il 13 giugno 2010 ed è terminato il 28 maggio 2011 con l’arrivo in autodromo a Imola. Ad attenderlo in circuito c’erano oltre 300 persone, (riunite in occasione di Passione in Moto, l’evento moto turistico che si è svolto a fine maggio sull’Appennino Bolognese), molti dipendenti Ducati, compreso il Presidente Gabriele Del Torchio, che ha voluto personalmente accogliere e salutare Paolo. Un podio assolutamente inedito lo ha accolto, insieme alle sue due compagne di viaggio del passato: Nenna (Monster 900) e Jessica (Multistrada 620). Sul gradino più alto c’era però Lidia, la Multistrada 1200 protagonista dell’ultima impresa di Pirozzi.

 

Il viaggio si è svolto in solitaria, con bagaglio leggero e in sella a una Multistrada 1200 prelevata tra i primi esemplari prodotti. L’obiettivo, oltre alla sfida, era anche diffondere la passione Ducati, catalizzando l’entusiasmo della community Ducati per le vittorie nelle gare e per lo stile di vita “rosso”, al di là di ogni barriera o confine, nonché col sostegno ufficiale della Casa di Borgo Panigale. La Ducati ha infatti seguito Paolo supportandone l’organizzazione e seguendo con attenzione le esigenze tecniche emerse nel viaggio.

 

 

Italia, Grecia, Bulgaria, Romania, Belgio, l’Est e il Nord Europa… E poi la Russia e l’incontro con Dimitri, inatteso quanto prezioso compagno di viaggio per le successive tre settimane, attraverso la gelida Siberia.

Poi Tokio e il Giappone, quindi la Cina, il Pakistan e la partecipazione all’Asian Ducati Week in Malesia, il tutto accompagnato da una popolarità crescente e da altri grandi incontri e avvenimenti unici ed eccezionali, come il giro in pista o a fianco del mitico Troy Bayliss.

 

E ancora l’Australia, il Canada e gli USA, dove il viaggio è caratterizzato da un’agenda fittissima d’incontri e appuntamenti con Club, eventi Ducati e personalità locali, interviste a TV e giornali.

 

In Messico Pirozzi si è finalmente concesso qualche giorno di riposo, per poi proseguire verso il Sudamerica, toccando Costarica, Honduras, Panama, Colombia, Perù, Cile, Argentina, raggiungendo Ushuaia, il luogo abitato più a sud della terra.

Dopo il rientro in Europa, con tappe in Inghilterra, Francia, Portogallo, Marocco e Spagna, Paolo e la sua Multistrada 1200 hanno raggiunto il traguardo finale con l’arrivo al circuito di Imola a fine maggio 2011.

 

 

Manco a dirlo, il viaggiatore partenopeo sta già programmando una nuova, grande avventura: raggiungere e superare i 500.000 km, evento da celebrare degnamente al World Ducati 2012.  

 

 

 

Per approfondire l’avventura di Paolo Pirozzi, leggere il suo diario e vedere la ricca galleria fotografica, visitate: www.paolopirozzi.it e www.ducati.com

Tutto su:

Commenta con
Commenta con
AGGIORNA COMMENTI

Commenta la notizia

Voglio fare il tester

Acquista il libro online