Social

Cerca nel sito

Ezpeleta commenta la prima gara della MotoGP

Carmelo Ezpeleta, Consigliere Delegato della…

Ezpeleta commenta la prima gara della MotoGP

…Dorna, ha espresso alcune considerazioni sul Gran Premio del Qatar, condizionato dal maltempo e da alcune decisioni prese dall’organizzazione:
“È stato un inizio un po' confuso, perché con l'interruzione della gara 125 e il rinvio di quella della MotoGP a lunedì non ci siamo potuti rendere conto esattamente di come va tutto nelle tre categorie. Si, sicuramente è stato molto strano. Che piova in ogni posto del mondo è normale, ma in Qatar e nella forma in cui lo ha fatto è poco normale. Quanto successo in 125 è più giustificabile, perché ha piovuto e poi ha smesso, ma la pioggia arrivata all'inizio della gara MotoGP è stata davvero strana. Noi sapevamo che non si sarebbe potuto correre di notte con la pista bagnata, e la soluzione dell'ultim'ora, arrivata dall'organizzazione del GP di Losail è stata quella di correre di lunedì. Sarà necessario inserire questa possibilità nel regolamento per il futuro, pero' è chiaro che è stata una soluzione attuabile perché ci trovavamo in Qatar. Non sarebbe una soluzione valida in altri Gp. In definitiva eravamo lì per correre e alla fine abbiamo deciso secondo la scelta della maggior parte dei team…
Quando ha iniziato a piovere forte, abbiamo deciso di attendere che smettesse e mentre aspettavamo gli organizzatori ci hanno proposto la possibilità di correre di lunedì. Era una proposta insolita, che non andava contro nessun regolamento. I team si sono riuniti e hanno analizzato la possibilità in tutte le sue variabili: la prima era vedere se c'erano gomme sufficienti per warm up e gara, che evidentemente doveva essere di notte perché non c'erano gomme per le temperature diurne; in secondo luogo avevamo bisogno di essere sicuri che non piovesse e terza cosa dovevamo consultare la disponibilità dei media.
Non c'era mai stata una gara di notte fino allo scorso anno e mai nella storia si era corso di notte con pioggia. Davanti a queste circostanze è stato necessario applicare soluzioni straordinarie che d'ora in poi saranno inserite nel regolamento. Sperimentiamo cose perché pensiamo sia il giusto metodo per migliorarci.”

 

Giusto così, ma sulle critiche mosse per la gestione delle gare della 125 e della 250 il boss glissa l’argomento:
“La nostra filosofia è molto chiara e conosciuta da tempo. Abbiamo un Campionato con tre gare, 125, 250 e MotoGP, e quella di MotoGP è la più importante. Sono categorie che hanno un audience eccezionale in televisione, la stessa copertura della classe regina, ma devono adattarsi alla MotoGP, che deve iniziare se possibile, alla ora stabilita.”

 

Insomma, come a voler dire che si è ben propensi a sacrificare le altre classi per non compromettere la MotoGP. A costo di far perdere alla 125 e alla 250 il loro prestigio e di svilire il lavoro di piloti e di team, questi ultimi sempre più impegnati a far quadrare i conti e trovare nuovi sponsor.
Noi di Super Wheels abbiamo una domanda per Ezpeleta: non si poteva prendere da subito la decisione di spostare l'intero programma al giorno dopo (viste tutti i dubbi sulla tenuta meteorologica), piuttosto che falsare le due gare?

Tutto su:

Commenta con
Commenta con
AGGIORNA COMMENTI

Commenta la notizia

Voglio fare il tester

Acquista il libro online