Social

Cerca nel sito

Bridgestone Battlax BT-016

Arriva direttamente dalla MotoGP questo pneumatico sportivo stradale...

Bridgestone Battlax BT-016
...per divertirsi su strada e fare sul serio in pista.

Il BT-016 si distingue dal BT-014 per il battistrada, diverso nel disegno ma soprattutto per le mescole differenziate. La tecnologia costruttiva è quella sviluppata per le MotoGP, a mescole multiple SACT (Straight And Cornering Technology). La disposizione di queste cambia tra l’anteriore e il posteriore. Il primo è a triplo strato, con mescola dell’area centrale formulata per offrire maneggevolezza e durata e quella spalla per garantire più aderenza in piega; il posteriore invece è a cinque strati. La mescola dell’area centrale fornisce migliori caratteristiche di stabilità e percorrenza; quella della spalla è adatta a sostenere le accelerazioni in uscita di curva; quella sui margini garantisce il più elevato grip laterale e una maggiore sensazione di contatto nelle forti inclinazioni.

La carcassa dell’anteriore è realizzata con una fascia monospiralata a cavo d’acciaio. Soluzione che migliora la tenuta di strada in piega, garantisce un migliore assorbimento delle asperità, più stabilità e un comportamento omogeneo in frenata in piega. La maggiore rigidità di compressione favorisce il mantenimento di un’area di contatto uniforme e di una buona stabilità anche a velocità elevate.

Il disegno del battistrada anteriore è caratterizzato da scanalature diagonali trasversali a forma di S che, secondo quanto dichiarato dalla Casa, facilita la maneggevolezza, il feeling e il drenaggio sul bagnato.
Il posteriore presenta invece scanalature a L senza tracce trasversali al centro, soluzione scelta per ottimizzare la trazione e limitare la rumorosità.

La guida in pista
La Casa dichiara una percentuale di uso in pista piuttosto elevata: 60%. Significa che il nuovo Battlax ha un’ottima predisposizione per la guida in pista, caratteristica che lo rende particolarmente appetibile per chi guida una moto sportiva e non disdegna di varcare i cancelli degli autodromi.

Su una media cilindrata non c’è nulla da dire: la BT-016 ha un comportamento sorprendente, con grip a sufficienza per la guida sportiva e con una notevole omogeneità di comportamento. La prima fase della curva, dall’impostazione alla corda, è uniforme, rotonda, e non si avverte alcun momento di “vuoto” per una discesa in piega troppo repentina. L’appoggio è sicuro anche alle inclinazioni più spinte e il grip permette di aprire in uscita senza timore di incappare in una scivolata. L’azione è armonica e la maneggevolezza è nella media. Un pneumatico sportivo specializzato è in genere più rapido in questa fase, la Bridgestone ha scelto però la strada della sicurezza e stabilità.

Da lodare, sempre in ingresso di curva, il comportamento in frenata dell’anteriore: apprezzabilmente neutro, anche pinzando con decisione. La moto non tende a raddrizzarsi a freni pizzicati né si scompone quando si rilascia il comando, dimostrando un grande equilibrio.

Ottimo, infine, anche il comportamento sullo sconnesso. In qualche curva del tracciato andaluso di Jerez, dove l'abbiamo testato, ci sono dei tratti di asfalto danneggiato che si affrontano in piega ad alta velocità: non hanno causato alcuna preoccupazione e sono stati digeriti senza timori dalle BT-016, che per di più riescono ad assicurare anche un buon comfort.

Sulle maxi cilindrate il discorso cambia leggermente. Nulla da dire, almeno guidando di buon passo, del comportamento sulla Honda CBR1000RR, sulla quale sono riuscite a mettere in crisi il posteriore prima di far avvertire anche lievi  perdite di aderenza:in uscita di curva il grip c’è, ma si avvertiva l’ammortizzatore posteriore che “pompa”.

Sulla brusca - e rigida di sospensioni - KTMRC8, il discorso cambia un po’. In uscita di curva il posteriore piuttosto secco suggerisce un’azione più morbida sull’acceleratore, pena qualche avvertibile perdita di aderenza, più simile a uno strappo che a una derapata. Anche in questo caso, come per la CBR1000RR, non siamo intervenuti sulle regolazioni delle sospensioni.

Brillante conferma, infine, anche sulle maxi cilindrate della qualità dell’avantreno, morbido, preciso e rassicurante anche in frenata.

La guida su strada
Che aggiungere sul giudizio già brillante espresso per queste coperture? In pista, in condizioni estreme, si sono guadagnate un ottimo voto; su strada non ci si attende nulla di meno.

Non abbiamo riscontrato perdite di aderenza in condizioni difficili, strisce pedonali, asfalto liscio e lucido, e anche in tema di comfort il giudizio è globalmente positivo, sebbene  sulle sconnessioni più ampie e secche si avverta la buona rigidità della carcassa.
 
Il giudizio globale che possiamo esprimere sulla BT-016 è quindi ampiamente positivo. Si tratta di una gomma stradale di elevate prestazioni, che può essere usata efficacemente anche in pista, con grande divertimento e ampio margine di sicurezza. Un prodotto da considerare, dedicato a un pubblico di sportivi dal buon manico. 

Tutto su:

Commenta con
Commenta con
AGGIORNA COMMENTI

Commenta la notizia

Voglio fare il tester

Acquista il libro online